progetto Otonga

CDI_otonga

cos’è’ il progetto otonga

Preservare le eccezionali caratteristiche di biodiversità.
In Ecuador, il Progetto decennale “OTONGA”, si propone l’acquisizione di foresta primaria sulle pendici occidentali della catena andina per preservarne le eccezionali caratteristiche di biodiversità.
A questo scoposono già stati acquisiti oltre 1.500 ettari.

 

la stazione scientifica

Accoglie ricercatori da tutto il mondo.
All’interno di questa foresta, denominata “OTONGA”, dal nome di un gigantesco lombrico trovato in quell’area, è stata creata, in quota, una stazione scientifica per accogliere ricercatori da tutto il mondo che desiderano dare il loro aiuto alla scoperta e classificazione delle migliaia dispecie ancora sconosciute, ivi presenti.

 

“centro di educazione ambientale”

Accoglie ricercatori da tutto il mondo.
Nel 2003, ai piedi di questa foresta, sono iniziati i lavori di costruzione di un “Centro di Educazione Ambientale”, articolato in tre moduli, per accogliere visitatori, studiosi e ricercatori da tutto il mondo. Nel mese di aprile 2005, è stato completato il primo modulo sviluppato su due piani per un totale di 640 mq e si stanno ora arredando i vari locali
con strumenti e attrezzature varie per i laboratori, per cui dalla prossima estate sarà già in funzione. Nel contempo si stanno tracciando nuovi sentieri che si snodano attorno al “Centro” stesso inoltrandosi poi nella foresta e congiungendosi conquelli già presenti nella parte più alta. Nelle immediate vicinanze del “Centro” si sta creando un giardino di piante utili.

 

borse di studio e corsi

Per diffondere uno sviluppo eco-sostenibile.
Il Progetto prevede inoltre l’assegnazione di borse di studio per la ricerca sull’ecosistema autoctono e sulla sua tutela, oltre alla creazione di alcuni vivai per il rimboschimento di piccole aree interne disboscate e lungo la fascia perimetrale a protezione della suddetta foresta. Vengono inoltre promossi con successo dei corsi volti a far maturare negli abitanti della comunità una mentalità di sviluppo eco-sostenibile e a far conoscere potenziali fonti alternative di sussistenza. Con i corsi comunitari di pasticceria sono state coinvolte molte donne in difficoltà che ora possono ricavare un guadagno supplementare per la famiglia.
Parallelamente continua incessante la produzione degli oggetti in tagua realizzati con la lavorazione dei frutti estremamente duri composti da una sostanza chiamata volgarmente “avorio vegetale”, prodotti da una palma endemica locale. Tale attività consente di vivere ormai a una ventina di famiglie, grazie alla sempre più estesa rete di vendita attivata soprattutto in Italia alimentata dallo straordinario appassionato sostegno di molti volontari, di alcuni Enti, Istituti e Associazioni.

 

altre iniziative del progetto

Ricerche, pubblicazioni, borse di studio, adozioni.
Parte dei finanziamenti stanziati da Bioforest, viene investita in studi, ricerche e pubblicazioni sulla flora e fauna di Otonga che hanno dato luogo, alla scoperta di nuove specie vegetali e animali.
La Fondazione Otonga in Ecuador, nostro partner locale, grazie anche ai fondi messi a disposizione da BIOFOREST, gestisce ormai circa 200 borse di studio per bambini, ragazzi e studenti universitari che abitano nei pressi della foresta Otonga e molte adozioni a distanza riguardano sempre bambini di quella zona lodevolmente sostenuti soprattutto da tanti generosi cittadini italiani ma non solo.
Il coordinamento e lo sviluppo dell’Operazione sono affidati al Prof. Giovanni Onore, Entomologo, Ordinario alla Pontificia Università Cattolica dell’Ecuador, con sede a Quito

ultime notizie

Leggi tutte le news      Leggi tutte le news